Il Museo della Follia arriva a Napoli: da Goya a Maradona, accompagnati dalla voce di Vittorio Sgarbi

Dopo Matera, Milano, Catania e Salò, arriva a Napoli il “Museo della Follia. Da Goya a Maradona”, la mostra itinerante – a cura di Vittorio Sgarbi.

La mostra, ospitata all’interno della Basilica di Santa Maria Maggiore alla Pietrasanta, è articolata in diverse sezioni e ciascuna indaga il tema della follia attraverso artisti di epoche e tecniche differenti, con oltre duecento opere tra dipinti, sculture, installazioni multimediali e fotografie.

Il visitatore viene coinvolto in un tema delicato, attraverso opere di artisti quali Francisco Goya, Francis Bacon, Antonio Mancini, Vincenzo Gemito, Antonio Ligabue, e ancora Telemaco Signorini,e Fausto Pirandello.

Una mostra che si arricchisce, ad ogni nuova tappa museale, di opere che connotano la città che la ospita. A Napoli, ad esempio, la novità è la presenza di Diego Armando Maradona, attraverso le radiografie del piede che imitano l’innaturale posizione del gol storico messo a segno contro l’Inghilterra durante i quarti di finale di Messico ’86, oggetto di studio di un noto ortopedico.«Maradona – ha spiegato Sgarbi, rappresenta il Caravaggio del novecento. Un genio del bene e del male, che ha fatto diventare tutti matti di lui. E io lo porto in un museo”.

Lasciatevi raccontare, ispirare, suggestionare dalle storie di tanti artisti e delle loro opere. Andate a visitare la mostra, visibile fino al 27 maggio, e ritirate le vostre videoguide, disponibili in italiano o in inglese: la voce di Sgarbi vi accompagnerà opera dopo opera all’interno di un mondo complesso e quanto mai attuale. E ricordatevi che anche al Museo della Follia di Napoli le videoguide sono incluse nel prezzo del biglietto!

Vi segnaliamo inoltre che, se condividerete la pagina Facebook del Museo della Follia e mostrerete alla biglietteria la condivisione dal vostro telefono, per tutto il mese di gennaio, avrete diritto ad uno sconto speciale sul biglietto d’ingresso a 7€ (invece che 12€ prezzo intero).

Buona visita!



D'Uva Feed

Follow us

Couldn't connect with Twitter