Il Museo della Follia arriva a Napoli: la mostra itinerante a cura di Sgarbi
D’Uva supplies audio, multimedia & mobile interpretation guides for cultural heritage. We create contents for museums, shows, churches, archaeological sites.
audioguide, videoguide, multimedia, storytelling, kiosk, mobile app, audio guide, devices, video guides, audio, totem, firenze, florence, app, pantheon, pompeii, colosseum
1751
post-template-default,single,single-post,postid-1751,single-format-gallery,qode-quick-links-1.0,ajax_leftright,page_not_loaded,,qode_grid_1300,qode_popup_menu_push_text_top,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-14.0,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive,elementor-default

Il Museo della Follia arriva a Napoli: da Goya a Maradona, accompagnati dalla voce di Vittorio Sgarbi

Dopo Matera, Milano, Catania e Salò, arriva a Napoli il “Museo della Follia. Da Goya a Maradona”, la mostra itinerante – a cura di Vittorio Sgarbi.

La mostra, ospitata all’interno della Basilica di Santa Maria Maggiore alla Pietrasanta, è articolata in diverse sezioni e ciascuna indaga il tema della follia attraverso artisti di epoche e tecniche differenti, con oltre duecento opere tra dipinti, sculture, installazioni multimediali e fotografie.

Il visitatore viene coinvolto in un tema delicato, attraverso opere di artisti quali Francisco Goya, Francis Bacon, Antonio Mancini, Vincenzo Gemito, Antonio Ligabue, e ancora Telemaco Signorini,e Fausto Pirandello.

Una mostra che si arricchisce, ad ogni nuova tappa museale, di opere che connotano la città che la ospita. A Napoli, ad esempio, la novità è la presenza di Diego Armando Maradona, attraverso le radiografie del piede che imitano l’innaturale posizione del gol storico messo a segno contro l’Inghilterra durante i quarti di finale di Messico ’86, oggetto di studio di un noto ortopedico.«Maradona – ha spiegato Sgarbi, rappresenta il Caravaggio del novecento. Un genio del bene e del male, che ha fatto diventare tutti matti di lui. E io lo porto in un museo”.

Lasciatevi raccontare, ispirare, suggestionare dalle storie di tanti artisti e delle loro opere. Andate a visitare la mostra, visibile fino al 27 maggio, e ritirate le vostre videoguide, disponibili in italiano o in inglese: la voce di Sgarbi vi accompagnerà opera dopo opera all’interno di un mondo complesso e quanto mai attuale. E ricordatevi che anche al Museo della Follia di Napoli le videoguide sono incluse nel prezzo del biglietto!

Vi segnaliamo inoltre che, se condividerete la pagina Facebook del Museo della Follia e mostrerete alla biglietteria la condivisione dal vostro telefono, per tutto il mese di gennaio, avrete diritto ad uno sconto speciale sul biglietto d’ingresso a 7€ (invece che 12€ prezzo intero).

Buona visita!



D'Uva Feed

Follow us

D'Uva
@duvawsDec 16
E che miracolo sia. Qui e altrove. Grazie #luciofiorentino! #sangennaro #facciagialla #miracolo . . . . #januarie… https://t.co/hTEpBn5VuA
D'Uva
@duvawsDec 11
🇮🇹 Uno speaker d'eccezione questa mattina al Museo dell'Opera del Duomo. Il Direttore Monsignor Timothy Verdon racc… https://t.co/LiX0bDh07p
D'Uva
@duvawsDec 10
RT @Radio3tweet: Oggi, 70 anni fa, veniva approvata la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani. Noi la festeggiamo con trenta inviti all…